Pronto soccorso anti-soffocamento

mangiare-poco-bambini--300x199Considero un dovere morale diffondere a  più persone possibili, affinché possano impararle, le principali manovre anti-soffocamento anche se non ci sono bimbi in casa: può succedere a tutti, in casa oppure al ristorante o ad una festa; il più delle volte il boccone ingurgitato o il corpo estraneo viene espulso con un colpo di tosse oppure siamo stati pronti ad evitare il peggio semplicemente prevenendo l’azione fulminea del bimbo che, lo sappiamo, quanto più è piccolo tanto più tende a mettere in bocca di tutto per “assaggiare” il mondo…

Mi direte che sono ansiosa ma quale mamma non lo è almeno un po’? In ogni caso meglio ansiosa ma preparata piuttosto che fredda o impulsiva ma senza regole. Ho trovato che questo video sia spiegato molto bene, è della Croce Rossa per cui attendibile, certo inizialmente potrebbe impressionare un pochino: la bambina che simula il soffocamento è davvero brava e quando l’ho guardato mi sono emozionata… Il mio timore è appunto di bloccarmi nel momento del bisogno ma credo che l’emergenza e la voglia di salvare una vita porti ad agire in fretta e nel modo migliore, soprattutto è importantissimo  evitare alcuni sbagli frequenti solo perché non si sa chi ci aveva detto di fare così oppure lo avevamo letto in qualche rivista dei tempi andati, non sempre i “rimedi della nonna” funzionano, anzi potrebbero essere deleteri. Per esempio:

  • non diamo dei colpi in testa al bambino che sta male oppure delle pacche sulla schiena a caso…invece di far uscire il corpo estraneo va a finire che lo picchiamo!
  • non metterlo a testa in giù anche se dobbiamo liberare le vie aeree, le inclinazioni cambiano a seconda del tipo di manovra che dovrà essere adattata all’età del bambino
  • non dargli da bere, dobbiamo prima accertarci di cosa ha ingerito e poi se tossisce è positivo, la tosse va perfino stimolata perché aiuta ad espellere il corpo estraneo
  • nel caso ci sia un’urgenza (perdita di coscienza) chiamare subito il 118 mentre si cominciano ad effettuare le manovre.

 

A voi è mai capitata un’esperienza salva-vita? La volete raccontare? Se vi intendete anche di altri tipi di comportamenti di  Pronto Soccorso da attuare c’è sempre da imparare per sentirsi più sicuri nella “giungla” quotidiana!!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.