Archivi tag: torta

Torta di nocciole piemontese

La torta di nocciole racchiude il sapore di una delle prelibatezze della regione in cui vivo, la nocciola tonda delle Langhe.

Nella sua semplicità rustica vi darà la carica sia che la gustiate a colazione che a merenda, magari accompagnata dalla vostra salsina preferita (qui si usa lo zabaione ma io preferisco il cioccolato!) e accompagnata da un bel caffè o cappuccino.

Torta di nocciole piemontese

C’è chi la preferisce addirittura senza farina o burro ma a me piace morbida e con qualche aroma in più, senza stravolgere la tradizione.

Ingredienti per una tortiera da 20 cm di diametro:

130g di nocciole piemontesi tostate, 3 uova,  un pizzico di sale, 130g di farina 00, 80g di burro fuso, 130g di zucchero semolato, 1 cucchiaio di miele di acacia, 2 cucchiai di rum, 1 cucchiaio di cacao amaro più altro da utilizzare per foderare la cerniera della teglia (se non volete il “cerchio” al cacao imburrate e infarinate come di consueto), 1/2 bustina di lievito vanigliato, la buccia grattugiata di un limone biologico. Di guarnizione: 20g di nocciole tritate grossolanamente, codette di cioccolato (facoltativo).

Mentre si scioglie il burro in un pentolino, montate a parte tuorli e albumi: i tuorli con lo zucchero mentre gli albumi col pizzico di sale.

Ai tuorli aggiungete la farina setacciata, il cacao, gli aromi, il lievito, il burro intiepidito, le nocciole tritate non troppo finemente; in ultimo amalgamate gli albumi montati a neve fermissima mescolandoli dal basso verso l’alto.

Foderate una tortiera a cerchio apribile con carta forno e nei bordi ungete col burro e spolverizzate o farina o cacao.

Livellate il composto e, se volete, distribuite sulla superficie le rimanenti nocciole e le codette di cioccolato.

Infornate a forno caldo statico, a metà, a 180° per 40 minuti avendo cura di coprire la torta con un foglio di carta alluminio negli ultimi 10 minuti di cottura poiché tenderebbe a scurire troppo.

Una ricetta per sant’Egidio

 

Con queste ricette partecipo al contest “Sagra di sant’Egidio” MENU CON LE PERE promosso dal comune di Rubiana in collaborazione con il Folletto Panettiere

POLLO SPEZIATO ARROSTO

CON PERE E PATATE

pollo arrosto

Può sembrare un accostamento insolito abbinare la frutta con la carne ma ribadisco, avendo già provato diverse combinazioni: si ottiene un gusto ricercato e delicato allo stesso tempo, una specie di “agrodolce naturale” che piacerà anche ai palati più tradizionali. Con le pere anche per me è una novità; di solito poi vengono cucinate carni più grasse o ricercate (tipo selvaggina o maiale), è stato quindi un abbinamento che mi ha sorpreso.

Continua la lettura di Una ricetta per sant’Egidio

Ricette sane e leggere

La dieta giusta si fa con le ricette giuste, con ricette sane e leggere appunto!

I “Subrich”, le frittatine piemontesi 

subrichQuando le ho assaggiate la prima volta da mia suocera, ad Alessandria, non essendo autoctona, le ho chiesto che cosa fossero e lei mi ha risposto: “Ma sono subrich, i frittini!”…così ho capito che si trattava di semplici frittatine di spinaci, dalla forma vagamente arrotondata che proprio per la loro spontaneità risultano particolari. In famiglia sono rimasti da sempre “i frittini”.

Ad Alessandria e provincia rappresentano un piatto tradizionale, che risale ai tempi della convivenza forzata con i francesi, infatti il nome deriva da “sur  (les) briques” che vuol dire cotti “sui mattoni”. Venivano fatti con le tenere erbe spontanee primaverili, per esempio il tarassaco o le barbe di frate…che ora possiamo sostituire con ortaggi più reperibili, spinaci appunto, erbette o patate. E’ quindi diventato un piatto del quotidiano, senza stagionalità, rivisitato con aggiunte di ogni tipo ma gustoso e leggero con gli ingredienti di base; c’è pure una fiera dedicata che si tiene a Masio (Al) il 25 aprile eppure non vi sono testimonianze e ricette sul web. Mi sono venuti in mente perché li hanno nominati in una trasmissione in bianco e nero, riguardante il Piemonte, giusto qualche giorno fa…

Ingredienti per 8 subrich:  500g di spinaci freschi,        2 uova, sale fino, noce moscata, 2 cucchiai di parmigiano o grana padano grattugiato.

Mondate e lavate bene gli spinaci. Ancora umidi metteteli in una pentola che li contenga e cuoceteli qualche minuto non appena si abbassano di volume, senza l’aggiunta di ulteriore acqua.

Spegnete la fiamma e togliete la loro acqua schiacciandoli con un cucchiaio; lasciateli da parte a raffreddare.

Intanto in una ciotola sbattete le uova con una forchetta, aggiungete una presa di sale (senza esagerare, al limite si potranno salare ancora una volta cotti), una grattugiata di noce moscata e il formaggio.

spinaciStrizzate ancora gli spinaci con le mani e poneteli su un apposito ripiano, sminuzzateli ulteriormente con il coltello.

Mescolateli bene al resto e scaldate una padella antiaderente con un goccio d’olio, deve bastare solo a non farli attaccare.

Continua la lettura di Ricette sane e leggere

TORTA DI MELE ALLA LAVANDA

La torta di mele alla lavanda è una torta semplicissima casalinga, dal gusto fresco e genuino: la lavanda è un elemento in più che porta una nota speziata ma che non copre il sapore delle mele, l’ingrediente principale.

Torta di mele alla lavanda

torta mele e lavandaLa lavanda sta crescendo rigogliosa sul mio terrazzo quindi perché non approfittarne creando una diversa sfumatura di sapori? Le spezie fanno bene e rendono ogni piatto più originale; a me piace molto la cannella ma a mio marito no, diceva che si sentivano poco le mele… In questo caso le mele la fanno fa padrone e, senza troppe aggiunte, la torta risulta genuina, accattivante ma con meno calorie del solito!

 

Continua la lettura di TORTA DI MELE ALLA LAVANDA

TORTA FRESCA ALLE PESCHE

La Torta fresca alle pesche è un dolce goloso e adatto all’estate: l’aroma delle pesche si fonde con il dolce del cioccolato e il sapore più pungente degli amaretti… Il cacao spolverizzato sulla superficie e le fave di cacao caramellate le conferiscono quella nota caratteristica in più.

torta fresca alle pescheLa guarnizione è opzionale a seconda dei vostri gusti: se preferite la frutta potete completarla con fettine di pesca precedentemente mescolate a zucchero e limone o liquore, mentre se siete dei super golosi potete aggiungere ancora cioccolato, in scagliette o fuso.

Ingredienti per una tortiera da 22cm o da 24cm (se la preferite più bassa):

  • 3 pesche grandi non ancora mature oppure 4 se sono più piccole

  • 1/2 bicchiere di vino bianco (va bene sia secco che dolce)

  • 100g di amaretti secchi

  • 2 cucchiai di scaglie di cioccolato fondente

  • 150g di zucchero semolato

  • 70g di burro fuso freddo

  • 2 uova

  • 250g di farina 00

  • scorza di 1 limone

  • 1 bustina di lievito per dolci

Continua la lettura di TORTA FRESCA ALLE PESCHE

Millefoglie alla crema con pasta sfoglia home made

Millefoglie alla crema

millefoglie alla crema home madeLa Millefoglie è il dolce preferito da mia madre che in questo periodo di lontananza forzata ha dovuto accontentarsi di vederlo in foto…però prometto di rifarla con tre strati per festeggiare il prossimo incontro! Non è difficile da fare, soprattutto se avete una pasta sfoglia già pronta, ma il gusto di quella fatta in casa è impagabile! La ricetta la scrivo a parte perché si tratta di un procedimento lungo che, se seguito alla lettera, vi darà le giuste soddisfazioni!

Ingredienti:

un rotolo di pasta sfoglia oppure mezzo panetto di sfoglia fatta in casa, crema pasticcera, aromi (vaniglia e/o limone/arancia), zucchero a velo, latte q.b.

Continua la lettura di Millefoglie alla crema con pasta sfoglia home made

RICETTE IN QUARANTENA

In questo periodo in cui dobbiamo sfruttare il tempo della quarantena in modo utile è normale dedicarsi alla cucina con un approccio più creativo, soprattutto per chi, come me, è già appassionato di ricette e vuole inventarne altre. Unendo l’utile al dilettevole non facciamo solo scorte dei piatti che ci piacciono di più ma cerchiamo anche di evitare sprechi, di cucinare per noi e la nostra famiglia con ciò che rimane in casa visto che la spesa va fatta di rado o che ci facciamo portare direttamente il necessario!

A questo proposito ringrazio sentitamente i vari negozianti che hanno attuato il servizio di spesa a domicilio nella mia zona: panetteria Maceraudi Spreafico, la Conad, il macellaio di via Roma di Arona, ortofrutta Melamangio, la serra Albagreen di Dormelletto (della mia amica Silvia) che mi porta ortaggi e piante aromatiche… In questa situazione ho visto che i piccoli negozi fanno un servizio più veloce ed accurato.

Torta brisée integrale ai semi di chia con ripieno a scelta…

Sono stata molto felice di ricevere un like su Instagram da Simone Rugiati per questa torta salata…qualche volta anche gli chef famosi ci notano!In ogni caso l’impasto base è utile a lungo termine perché potete congelare in pellicola quello che eventualmente vi rimane, fare torte o tortine monoporzioni con il ripieno che avete.

Ingredienti per la pasta brisée: 100g di farina integrale, 200g di farina 00, 150g di burro, semi di chia (o semi misti), acqua fredda q.b.

Mettete in una ciotola capiente farina, semi e burro a cubetti aggiungendo man mano l’acqua e lavorandola bene con le mani come per la pasta frolla. Lasciatela in frigo coperta con pellicola finché non avrete preparato il ripieno.

In questo caso avevo preparato in precedenza delle melanzane al funghetto (saltate in padella con olio, aglio e prezzemolo). A queste va aggiunto del tonno in scatola ben spezzettato, un po’ di erbe miste di Provenza oppure timo o maggiorana freschi, una spolverata in superficie di parmigiano, semi di chia e noci a pezzetti…e via in forno a 180° per 40 minuti ventilato. La pasta deve colorirsi leggermente ed è buona anche riscaldata per 5-10 minuti. Si conserva in frigo per qualche giorno.

Continua la lettura di RICETTE IN QUARANTENA

Dolci per tutte le stagioni…

IMG_20160420_090356Ci sono dolci, come le brioche, che vanno bene in qualsiasi stagione e  che scandiscono le nostre giornate: svegliarsi con una buona brioche profumata è già un buon inizio! Io le adoro e dopo svariati tentativi di “comprendere” l’arte dei lievitati ho deciso di condividere la mia ricetta ideale che ognuno può adeguare al suo gusto, per esempio mettendo qualche grammo di più o di meno di zucchero o di miele, regolando il sale (ho messo un cucchiaino abbondante però se ne può mettere di più o non metterlo affatto in quelle dolci…), se la gradite con più vaniglia omettere la buccia di limone e mettere una bustina intera di vanillina, insomma le varianti sono innumerevoli, l’importante sono l’impasto e la lievitazione. Il procedimento è semplice, basta decidere di mangiarle un giorno per l’altro, tanto lievitano da sole! Potete poi congelarle e averle a disposizione ogni giorno, a casa vostra come al bar!

Ingredienti per 8 brioches grandi o 16 normali: 500g di farina manitoba, 150g di zucchero semolato (+1 cucchiaino di miele, facoltativo) oppure 100g di zucchero semolato ed 1 cucchiaio di miele di acacia, 1-2 cucchiaini di sale fino, 70g di burro, 20g di lievito fresco (panetto), 2 uova, 1 cucchiaio di latte, 150g di acqua tiepida, ½ bustina di vanillina, buccia di un limone grattugiato. Se le riempite: marmellata a scelta oppure crema di cioccolato. Zucchero a velo e/o granella.

Continua la lettura di Dolci per tutte le stagioni…

Ricette che scaldano il cuore…e la pancia!

In questo articolo: cisrà – torta cioccolatosa alle pere – pollo alle spezie orientali e peperoni

CISRA’, LA ZUPPA DI CECI PIEMONTESE

Ricetta che avevo pubblicato su AlessandriaMagazine in occasione della Festainstagram di Ognissanti, l’ho preparata per seguire la tradizione ed è stata una rivelazione!!

Ingredienti per 4 persone: 400-450g di ceci secchi lasciati in ammollo 12 ore, 2-3 costolette di maiale, ½ cipolla bianca, 1 porro, ½ carota, ½ costa di sedano, 1 patata media, 1 spicchio d’aglio tagliato fine, un mazzetto fatto con 1 rametto di rosmarino, 2-3foglie di alloro, 2-3 di salvia, sale q.b., olio evo, un pizzico di sale grosso.

Preparate in un piatto le verdure tagliate: il porro e la carota a rondelle, il sedano e la patata a dadini.

In una pentola alta antiaderente soffriggete, due minuti nell’olio, l’aglio e la cipolla tagliati sottili poi aggiungete le verdure e i ceci.

Coprite tutto con acqua tiepida e quando giunge a bollore mettete il mazzetto di aromi e le costine, un pizzico di sale grosso, mescolate e lasciate sobbollire piano piano per 2 ore e mezza o più (dipende da che consistenza preferite per i ceci…).

Al termine della cottura aggiustare di sale (non mettetene troppo all’inizio perché le costine tendono già ad insaporire il brodo) e pepe (facoltativo). Per renderla più cremosa a me piace frullarne un po’ (col frullatore ad immersione si fa in un attimo).

Portare in tavola calda, se volete con l’aggiunta di crostoni di pane (ma è buona anche da sola, considerando che ci sono le costine è veramente un piatto unico!).


TORTA CIOCCOLATOSA ALLE PERE

C’è un modo più goloso per beneficiare delle virtù della frutta di stagione anche quando si tende ad evitarla: io preferisco di gran lunga la fIMG_20151012_182414rutta estiva, tendo a dimenticarmi l’esistenza di mele e pere che fanno tanto bene…ma quando sono nelle torte hanno tutto un altro gusto!!

Dopo la torta di mele vi propongo la mia ricetta per la torta di pere, non la solita con l’impasto al cacao ma con il cioccolato fondente che, sciolto vicino ai pezzi di pera e aromatizzato con la cannella, forma un connubio perfetto!

Continua la lettura di Ricette che scaldano il cuore…e la pancia!

Siamo alla frutta!

A chi non piace la frutta estiva, così dolce e succosa? Adoro le  pesche  ed fichi che però si possono gustare più di rado sia perché non sono sempre dolcissimi sia per le calorie  (magari li mangio due volte per stagione ma 10 alla volta!). Così mi sono data da fare per ideare delle torte o dessert che le contengano per aumentare la loro dolcezza e bontà!

TORTA DI PESCHE ALLA CREMA E BISCOTTI

20160717_160942 Si tratta di un guscio di frolla morbida contenente una crema deliziosa aromatizzata con il succo delle pesche, poi a seguire una bella spolverata di amaretti e biscottini di frolla che esaltano il gusto delle pesche a pezzetti che completano la torta….sicuramente da provare e riprovare!

Ingredienti per uno stampo da crostata di 24cm: 4 pesche non troppo mature tagliate a pezzetti sottili, il succo di mezzo limone, 1 cucchiaio di zucchero di canna, 4 amaretti secchi e 3 biscotti di frolla (normali, al cioccolato o entrambi).

Per la frolla: 260g di farina 00, 120g di burro, 125g di zucchero, ½ bustina di lievito vanigliato, un pizzico di sale, 1 uovo; 3 cucchiai di marmellata di pesche.

Per la crema: 250g di latte, 30g di zucchero, 30g di farina, 2 tuorli, il succo delle pesche (1-2 cucchiai di liquido).

  Continua la lettura di Siamo alla frutta!

Ricette per giorni speciali

Ci sono tanti giorni speciali o anche solo giorni che possiamo rendere speciali senza particolari ricorrenze…basta la voglia di cucinare qualcosa di diverso dal solito!

FLAN DI TOPINAMBUR CON FONDUTA DI PARMIGIANO

Spesso questi flan si trovano spesso come antipasto in molti ristoranti chic piemontesi così ho voluto provare a farli tanto più che i topinambur   (in dialetto vengono chiamati Patinabo’) sono tuberi caratteristici di questa regione, prima di venire qui non li avevo nemmeno sentiti nominare…eppure sono più saporiti delle patate e originali nel gusto e nella forma!! 

Ingredienti per 4 stampini: 400-500g di topinambur, 2 patate, ½ spicchio d’aglio, un filo d’olio d’oliva, 80-100g di parmigiano, 1 cucchiaio di farina, 1 uovo, sale, pepe, ½ bicchiere di latte, una spolverata di noce moscata, un rametto di rosmarino fresco.

Pelate e tagliate a dadini i topinambur e le patate, tuffateli in acqua fredda nel recipiente che utilizzate per pulire la verdura per poter poi scolare il tutto.

Fate soffriggere appena lo spicchio d’aglio con un filo d’olio ed il rametto di rosmarino. Aggiungete patate e topinambur e fate cuocere per circa 20 minuti finché non sentite con una forchetta che sono diventati teneri. Condite con sale e pepe poi metteteli in un mixer oppure utilizzate il frullatore ad immersione; mentre frullate unitevi anche l’uovo e la farina. Quando avrete raggiunto la consistenza di un purè potete riempire i vostri stampini avendo l’accortezza di ungerli leggermente con olio, se poi desiderate sformare i flan una volta cotti dovete anche ritagliare due strisce di carta da forno per ognuno e adagiarle sul fondo per facilitare l’operazione; lasciate un centimetro dal bordo.

Sistemateli dentro una teglia con acqua alla base per la cottura a bagnomaria ed infornate, a forno caldo e a mezza altezza, a 190° per 40 minuti più altri 5-10 minuti di grill.

Preparate a parte la crema di formaggio: in un padellino sciogliete una noce di burro assieme a ½ cucchiaio di farina, aggiungete il latte a filo come per fare una besciamella ed infine, sempre mescolando, il parmigiano grattugiato. Se volete mettere la fonduta di parmigiano anche come base dei tortini utilizzate 1l di latte per1 cucchiaio di farina e 100g di parmigiano.

Credo che quest’anno li farò a Natale o anche a Capodanno, sono buoni e d’effetto! Se li provate anche voi mandatemi la foto!

Continua la lettura di Ricette per giorni speciali

Ricette semplici inventate

In questa pagina:

  • GAMBERI IN AGRODOLCE E ALLA FETA

  • INSALATA TIEPIDA DI CEREALI O RISO ROSSO (O VENERE)

  • TONNO,FAGIOLI E CIPOLLE

  • ZITI CON SALSICCIA E CURRY

  • BOCCONCINI RICOTTA E ZAFFERANO

  • RAGU’ DI NONNA MIMI’

  • TORTA INTEGRALE ALLE NOCI E CIOCCOLATO

E’ un dato di fatto che ogni giorno bisogna mangiare qualcosa ma è senz’altro monotono seguire un regime alimentare sempre uguale togliendo certi cibi che riteniamo, spesso a torto, dannosi dal punto di vista calorico… basta limitarne le quantità! Per esempio la frutta secca: è molto calorica ma non ne dobbiamo mangiare quintali; le noci fanno bene al cuore ed al cervello. Anche la cioccolata è fonte di magnesio e potassio, aiuta a contrastare sbalzi di pressione, colesterolo, depressione e regola il flusso sanguigno. Piccole quantità di quella fondente (contiene più cacao e meno burro di cacao) non possono che fare bene perciò via libera a qualche quadratino e, ogni tanto, ad una bella fetta di torta al cioccolato!! Sono golosa e non mancherò certo di darvi ricettine dolci.

Intanto vi consiglio qualche ricetta semplice tra quelle che uso più spesso (anche quelle che si vedono in tv o si trovano in giro se non si prova a farle possono avere risultati inaspettati!), alcune le ho modificate e rielaborate, altre le ho inventate….

A proposito delle noci: da sole non mi piacciono ma nelle insalate le adoro, danno quel tocco in più, quasi esotico!

Continua la lettura di Ricette semplici inventate

TORTE GOLOSE

TORTA  COCCO E CIOCCOLATO

Di solito il gusto cocco mi piace come gelato o yogurt, non avrei mai pensato di fare una torta golosa al cocco…colpa di mio figlio che ne aveva assaggiata una al pub così mi ha pregato di fargliela! Questa che ho inventato piace anche a me perché naturalmente ci ho messo dentro il cioccolato bianco e sopra quello fondente con un po’ di Nutella!

Ingredienti: 200g di farina 00, 100g di farina di cocco, 3 uova, 60g di burro fuso, 160g di zucchero di canna, 250g di ricotta, 1 bustina di lievito vanigliato per dolci, 50g di cioccolato bianco fuso, 100g di cioccolato fondente (70%), 1 cucchiaio di Nutella.

Lavorate bene le uova con lo zucchero; sciogliete a fiamma bassa e sempre mescolando il burro assieme al cioccolato bianco e appena si saranno intiepiditi aggiungeteli al composto. Mescolatevi anche la ricotta e pian piano le farine unite al lievito.

Continua la lettura di TORTE GOLOSE

8 marzo

Stamattina il panettiere mi ha detto: “Oggi le donne sono tutte impazzite….le vedi correre indaffarate di qua e di là! Però una mia amica del ristorante qui vicino non ha prenotazioni per stasera….” sarà forse perché non ci interessano i festini ed i regali stereotipati? Tanto ogni giorno siamo indaffarate…. Certo la mimosa me la sono comprata lo stesso, trovo che sia un fiore allegro e pure un po’ “buffo” con tutte quelle palline morbide gialle che si richiudono di sera timorose, eppure dura a lungo, proprio come le donne: resistente a tutto ma nello stesso tempo fragile e delicata, timida, riservata oppure allegra e sorridente, soprattutto se ci si accontenta di questa giornata soleggiata, di un fiore o di un dolcino fatto in casa….già perché questa festa la dobbiamo trovare piuttosto dentro di noi visto che la società che ci circonda non ci offre molti motivi per festeggiare: oggi hanno pure deciso di fare uno sciopero generale dalla scuola ai trasporti e a vari servizi che già di per sé sono pochi quotidianamente come a volerci dire che quello che abbiamo dobbiamo continuare a guadagnarcelo col sudore della fronte! Non capisco perché, invece, non ci abbiano fatto un regalo!! Ci si accontenta di poco: l’autobus o il treno gratis o magari il parcheggio….oppure la colazione! Un piccolo gesto basterebbe….

Continua la lettura di 8 marzo