Autunno da gustare

In questo articolo: cisrà – torta cioccolatosa alle pere – pollo alle spezie orientali e peperoni

CISRA’, LA ZUPPA DI CECI PIEMONTESE

Ricetta pubblicata su AlessandriaMagazine in occasione della Festainstagram di Ognissanti, l’ho preparata per seguire la tradizione ed è stata una rivelazione!!

Ingredienti per 4 persone: 400-450g di ceci secchi lasciati in ammollo 12 ore, 2-3 costolette di maiale, ½ cipolla bianca, 1 porro, ½ carota, ½ costa di sedano, 1 patata media, 1 spicchio d’aglio tagliato fine, un mazzetto fatto con 1 rametto di rosmarino, 2-3foglie di alloro, 2-3 di salvia, sale q.b., olio evo, un pizzico di sale grosso.

Preparate in un piatto le verdure tagliate: il porro e la carota a rondelle, il sedano e la patata a dadini.

In una pentola alta antiaderente soffriggete, due minuti nell’olio, l’aglio e la cipolla tagliati sottili poi aggiungete le verdure e i ceci.

Coprite tutto con acqua tiepida e quando giunge a bollore mettete il mazzetto di aromi e le costine, un pizzico di sale grosso, mescolate e lasciate sobbollire piano piano per 2 ore e mezza o più (dipende da che consistenza preferite per i ceci…).

Al termine della cottura aggiustare di sale (non mettetene troppo all’inizio perché le costine tendono già ad insaporire il brodo) e pepe (facoltativo). Per renderla più cremosa a me piace frullarne un po’ (col frullatore ad immersione si fa in un attimo).

Portare in tavola calda, se volete con l’aggiunta di crostoni di pane (ma è buona anche da sola, considerando che ci sono le costine è veramente un piatto unico!).


TORTA CIOCCOLATOSA ALLE PERE

C’è un modo più goloso per beneficiare delle virtù della frutta di stagione anche quando si tende ad evitarla: io preferisco di gran lunga la fIMG_20151012_182414rutta estiva, tendo a dimenticarmi l’esistenza di mele e pere che fanno tanto bene…ma quando sono nelle torte hanno tutto un altro gusto!!

Dopo la torta di mele vi propongo la mia ricetta per la torta di pere, non la solita con l’impasto al cacao ma con il cioccolato fondente che, sciolto vicino ai pezzi di pera e aromatizzato con la cannella, forma un connubio perfetto!

Ingredienti:  3 pere Abate, 200gr di farina 00 + 50gr di farina integrale oppure Maizena, 100gr di burro morbido, latte intero q.b. , 3 uova, 100gr di zucchero, 150gr di cioccolato fondente (tavoletta con i quadratoni, tipo Novi o Nestlé), 10gr di lievito vanigliato, 1 bustina di vanillina, zucchero a velo + zucchero di canna + cannella in polvere.

Lavorate con le fruste o nel robot da cucina il burro morbido con lo zucchero, aggiungete un uovo alla volta e poi le farine mischiate assieme al lievito e alla vanillina aiutando l’impasto con un po’ di latte (deve risultare cremoso). Mettete la carta da forno sulla base di una tortiera da 24 cm di cui avrete unto i bordi con pochissimo burro, riempitela con l’impasto e livellate bene.

Accendete il forno statico a 160°.

Tagliate le pere a pezzetti così pure metà blocco di cioccolata; consiglio di non fare pezzettini troppo grossi ma questo va a gusti…

Distribuite prima i pezzetti di cioccolato poi quelli di pera infilandoli bene dritti nell’impasto, se volete una torta ancor più cioccolatosa potete distribuire anche un po’ di cioccolato(l’altra metà blocco) fuso con pochissima acqua prima di mettere le pere altrimenti lo aggiungerete solo alla fine, a torta tiepida, guarnendo a piacere (per la guarnizione bastano 4 quadrotti).

Prima di infornare, per 40 minuti, date una spolverizzata di zucchero a velo più quello di canna ed infine una bella spolverizzata di cannella in polvere.


POLLO ALLE SPEZIE ORIENTALI E PEPERONI

La magia nell’autunno è nei suoi incredibili colori…e allora perché non ritrovarli anche in cucina? Le spezie poi fanno bene, assieme alla cipolla rafforzano il sistema immunitario e le verdure gialle e arancioni contengono vitamina C contro le malattie da raffreddamento stagionali! Meglio curarsi così che con le medicine…

Ingredienti (per 2-3 persone): 400gr di petto di pollo intero, 3 peperoni di diverso colore, olio d’oliva, sale speziato con aggiunta di spezie tipo curcuma, sesamo, zenzero e cumino (si trova già pronto, io uso quello di Cervia “profumo d’oriente”); curry in polvere, un pizzico di peperoncino o di paprika piccante, concentrato di pomodoro (tubetto), uno spicchio d’aglio oppure 1 scalogno, mezza cipolla, farina q.b., qualche foglia di basilico possibilmente fresco, 1 cucchiaino di zucchero, vino bianco per sfumare.

Utilizziamo due padelle antiaderenti abbastanza capienti, se non sono della stessa misura usiamo quella più larga per i peperoni. In una padella mettiamo a soffriggere lo scalogno o lo spicchio d’aglio (che poi andrà tolto) e mettiamo a dorare il pollo tagliato a piccoli pezzettini che avremo avuto cura prima di salare con il sale orientale e poi di infarinare, mescolandoli e separandoli (la farina serve ad evitare che i pezzetti si appiccichino tra loro e soprattutto farà in modo che si formi una deliziosa cremina).  Li cuociamo per un po’ poi spegniamo la fiamma.

Intanto nella padella più larga mettiamo la cipolla tagliata a pezzetti sottili a soffriggere; al soffritto aggiungiamo i peperoni lavati e tagliati a pezzetti, un pizzico di peperoncino o di paprika e appena si asciuga il fondo di cottura facciamo sfumare un po’ di vino bianco aggiungendolo  pian piano da un lato, dopo qualche minuto versiamo un pochino d’acqua e aggiungiamo il concentrato di pomodoro, su quanto metterne ci regoliamo mescolando il tutto e tenendo conto che poi l’acqua evapora, quindi non esageriamo! A questo punto si aggiunge un po’ di sale normale, un cucchiaino di zucchero e le foglie di basilico, come per fare una classica peperonata. Quando i peperoni si saranno ammorbiditi (ci vorrà più di mezz’ora, diciamo 40-45 minuti) si potranno unire i pezzetti di pollo. Cuciniamo il tutto amalgamandolo bene insieme e aggiungendo all’occorrenza un altro po’ d’acqua tiepida (la farina tenderà a fare la crema assorbendo l’acqua quindi cercare di mantenere la giusta consistenza). Eventualmente si può scaldare il pollo con i peperoni nel forno se non dev’essere consumato subito, sarà ugualmente buono e si potrà gustare sia tiepido che caldo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Aggiungi una immagine