Archivi categoria: Libri da consigliare

Tra le pagine di un libro

Riguardando la libreria in cerca di un altro libro da leggere ogni volta mi fermo a pensare a quale libro mi ha colpito di più tra i tanti: ne ho trovato uno che ho letto l’anno scorso e non ho dimenticato seppur lo abbia iniziato con un po’ di scetticismo…pensavo al solito libro sugli 007 in missione impossibile con scene truci di guerra e macabri dettagli invece mi ha stupito, soprattutto per quanto è avvincente.

copPrima di tutto è una storia vera e questo fa in modo che ci si senta più vicini al protagonista, un ex carabiniere diventato agente dei servizi segreti che racconta la sua storia allo scrittore Luigi Carletti.  L’agente Kasper ha davvero vissuto delle situazioni limite e ci fa pensare a quello che è riuscito a Continua a leggere

Non solo per Natale

Non si tratta di libri prettamente natalizi…però in generale un libro è sempre un regalo gradito: i libri sono piccoli scrigni che contengono mondi inesplorati o a volte conosciuti e rassicuranti ma con storie nuove.  Non è detto che a Natale faccia piacere ricevere libri o manuali in tema tipo “Come creare gli addobbi natalizi” o “Giro per i presepi d’Italia” (titoli inventati), se gradite i gialli come me non fatevi sfuggire questi autori…

7-7-2007Tempo fa ero sul punto di consigliarvi l’ultimo libro di Antonio Manzini invece mi sono trovata spiazzata: sembrava che tutti seguissero i miei gusti letterari poiché sono uscite recensioni ovunque e come se non bastasse hanno pure deciso di trarne un filmone a puntate! Di solito non seguo le mode, questo è stato solo un caso, dopotutto era solo l’ennesimo libro di Manzini dopo una lunga serie…

Continua a leggere

Mi consigli un libro?

I diabolici

“I diabolici” di Boileau e Narcejac.

Oggi vorrei consigliarvi un classico del genere noir, soprattutto se siete già appassionati dei libri di Simenon. Gli autori sono gli stessi del libro “La donna che visse due volte” ed anche in questo caso fu tratto un omonimo film del 1955 di cui però Hitchcock non riuscì, per un soffio, ad accaparrarsi i diritti cinematografici.

Più che azioni spaventose al cardiopalma prediligo i libri che mantengono una costante tensione emotiva e credo che i francesi in questo siano dei veri maestri sia per i film che per i libri. Anche stavolta non si smentiscono ed ogni azione viene descritta soprattutto dal punto di vista psicologico, c’è un ribaltamento della realtà e della personalità dei protagonisti, il buono può diventare cattivo e viceversa, le allucinazioni sembrano fantasia ma sono accadimenti veri se alla fine si indovina l’incredibile macchinazione di chi da vittima diventa carnefice…

L’epilogo è veramente originale e lascia spazio ad un ennesimo ribaltamento rispetto alla fine del libro. Il bello degli autori francesi è il fatto che ti fanno andare con la mente oltre alle parole scritte, la fine dell’opera non è mai la fine della storia, proprio come nella vita…cosa che inizialmente mi faceva incavolare non poco e che invece ora ho imparato ad apprezzare!

Tra le pagine di un libro

Un altro libro che ho letto l’anno scorso ma che consiglierei vivamente è “Open” di Andre Agassi: non è affatto la solita autobiografia ma è una profonda retrospettiva di ciò che il bambino e ragazzino Andre ha dovuto subire dal padre per diventare un grande campione; se l’impegno e la volontà ripagano i sacrifici certo è che sarebbe meglio non forzare oltre ogni limite i bambini a fare uno sport o altro contro la loro volontà solo per vederli raggiungere dei traguardi che vorremmo fossero stati nostri.  Andre avrebbe preferito l’amore di una famiglia piuttosto della solitudine a cui l’ha portato il  ruolo che gli è stato imposto. Ci sono parti del libro che mi hanno commosso fino alle lacrime e che mi hanno lasciato un segno, soprattutto si capisce quali sono le priorità della vita… Per lo stile con cui è scritto si legge praticamente da solo!open Al protagonista ci si affeziona presto e soprattutto si apprezza come persona: è molto attivo nella beneficenza e ha messo a frutto la sua vita e le sue risorse proprio per aiutare i bambini. E’ stata tolta la concessione sul video dell’intervista con Fabio Fazio, un vero peccato che non si riesca a vedere! Non resta che leggere il libro!

 

 

Tra le pagine di un libro

La scuola è iniziata da poco e tra i vari libri della mia libreria che attendono di essere letti ecco che mi cade l’occhio su “Diario di scuola” di Daniel Pennac. Un libro leggero e rilassante che in molte pagine vi farà sorridere e magari ricordare un passato scolastico non sempre felice…

Consigliato ai non secchioni e a chi si fa le paranoie per i voti scolastici dei figli: Pennac ci regala una sorta di riscatto con la dimostrazione che ognuno ha i suoi tempi e se le capacità ci sono prima o poi si manifestano. Se lui stesso, da somaro che era a scuola, da adulto è diventato perfino insegnante ed infine scrittore famoso c’è speranza per chiunque voglia seguire le proprie aspirazioni!

 cop

 

 

 

P.s.  …come me che almeno in questo sito faccio finta di essere scrittrice e giornalista!

Cosa stai leggendo? Che libro consiglieresti? C’è un libro per ogni momento ed età della vita…